Chimica leader nella sostenibilità

Nella definizione formulata dalle Nazioni Unite nel 1987 e valida ancora oggi, lo sviluppo sostenibile si propone di “soddisfare i bisogni della generazione presente senza compromettere la possibilità per le generazioni future di soddisfare i propri”. Esso richiede un’attenzione equilibrata a tre dimensioni, tutte egualmente importanti e identificate dalle cosiddette “Tre P”: Persone, Pianeta e Prosperità. La dimensione economica (Prosperità) non deve essere trascurata né considerata in conflitto con le altre, alle quali, al contrario, è legata in un rapporto sinergico. Senza sviluppo, infatti, non si creano posti di lavoro e non si generano le risorse necessarie per investire nella tutela dell’ambiente.

L’industria chimica rappresenta un modello di riferimento per la sostenibilità in tutte e tre le sue dimensioni (economica, sociale e ambientale). Infatti, guida la classifica dei settori industriali italiani in base al Prodotto Interno Qualità, un indicatore elaborato da Symbola (la Fondazione per le Qualità Italiane) che misura la ricchezza nazionale prodotta secondo tutti gli aspetti qualificanti dello sviluppo sostenibile che sfuggono alla tradizionale misura del PIL.

La chimica – come scienza e come industria – è fondamentale per trovare le soluzioni tecnologiche alle grandi sfide del futuro dell’umanità, come il cambiamento climatico o la scarsità delle risorse.

Già oggi la chimica è motore di sostenibilità, grazie alla sua capacità di allontanare i limiti dello sviluppo ottimizzando i processi e utilizzando sempre meglio le risorse, minimizzando l’uso di quelle più preziose, riutilizzandole o sostituendole con altre meno rare e costose, valorizzando anche gli scarti.

Su iniziativa dell’ONU, il 2019 è stato proclamato l’Anno Internazionale della tavola periodica degli elementi di Mendeleev (in occasione del 150° anniversario della sua introduzione), proprio al fine di riconoscere l'importanza della chimica per la promozione dello sviluppo sostenibile e la ricerca di soluzioni alle sfide globali.

Diapositiva 1.7